Pubblicato: lunedì 24 dicembre 2018

Paolo Borrometi: “Non abbiamo bisogno di eroi, ma di cittadini liberi”. Presto la cittadinanza onoraria della città di Alcamo

Paolo Borrometi Alcamo (20) Di Emanuel Butticè

Paolo Borrometi ha presentato il suo libro “un morto ogni tanto” e l’Amministrazione annuncia per lui la cittadinanza onoraria

ALCAMO. Un libro con un titolo particolare, “un morto ogni tanto”. “Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per dare una calmata a tutti”. È una frase intercettata dagli inquirenti che indagano sulla mafia di Pachino. A Pronunciarla un boss mentre spiega ai figli il piano di morte organizzato per eliminare un soggetto “scomodo”, “fastidioso”. Quel soggetto da eliminare ad ogni costo era Paolo Borroneti, giornalista che ha illuminato a giorno la sua terra, la provincia babba della mafia invisibile, nascosta alla luce del sole. Una mafia che Borrometi racconta quotidianamente, con inchieste puntuali e dettagliate, con nomi e cognomi. È proprio questo che lo espone, il suo lavoro meticoloso. Con gli articoli e adesso con questo libro di inchiesta fa una radiografia all’organizzazione mafiosa della provincia di Ragusa. Una mafia per anni negata, secondo molti non esisteva.

Ieri ad Alcamo ha presentato il suo libro, “Un morto ogni tanto” (Solferino Editore), al Centro Congressi Marconi. Tra i relatori il Sindaco di Alcamo Domenico Surdi, la Vice Presidente del Consiglio Comunale Giovanna Melodia, l’Europarlamentare Ignazio Corrao e Alessandro Cacciato come moderatore. Un incontro organizzato dall’Amministrazione del Movimento 5 Stelle alcamese. Durante l’incontro le letture di alcuni brani del libro sono state curate da Chiara Calandrino della Cooperativa Piccolo Teatro e da Cristian Pirrone del Centro Neapolis.

 Durante l’incontro la Consigliera Giovanna Melodia ha annunciato una mozione di indirizzo condivisa da tutto il consiglio comunale avente ad oggetto il conferimento della cittadinanza onoraria al giornalista Paolo Borrometi. Una notizia accolta con un lungo applauso dai cittadini presenti. “Questa sorpresa mi emoziona molto. Sono davvero onorato di poter essere un vostro concittadino. Grazie a tutta l’Amministrazione e al Consiglio Comunale” – ha affermato commosso.

Borrometi, rispondendo alle domande del moderatore Alessandro Cacciato, ha iniziato il dibattito ricordando la figura di Giovanni Spampinato, giornalista ucciso a soli 27 anni a Ragusa nel 1972. Una vittima per anni dimenticata. Il suo omicidio, come in altri casi, ha subìto il mascariamento, il silenzio. “Questione di fimmini”, un modo per archiviare la vicenda e dimenticarlo per sempre. Oggi Spampinato, come ha ricordato Paolo Borrometi, rappresenta un esempio di Paolo Borrometi Alcamo (29)giornalismo di inchiesta vero, serio e concreto. “Lui era un giornalista libero che faceva nomi e cognomi. La stampa in Italia è sotto attacco da oltre vent’anni, ma non è tutta uguale. Chiaramente non bisogna generalizzare, né in positivo né in negativo. Spampinato raccontava la provincia di Ragusa, la provincia con il più alto numero di sportelli bancari, superiore addirittura a Palermo e Milano. Ha osato fare nomi pesanti e per questo ha pagato con la vita. Così come Peppino Impastato. Se io oggi faccio il giornalista è grazie ai suoi insegnamenti. Per questo vi chiedo di “adottare” simbolicamente lui e la sua storia, combatteva per il futuro della sua terra, la nostra terra, dannata, ma meravigliosa.” Borrometi ha inoltre ricordato il giornalista italiano Antonio Megalizzi, rimasto ucciso nell’attentato di Strasburgo lo scorso 11 dicembre.

“Dobbiamo imparare anche a cambiare la narrazione delle mafie, cambiare anche termini. Uomini d’onore? Che onore può avere qualcuno che scioglie un bambino nell’acido?”- ha aggiunto rispondendo alle domande del moderatore. Borrometi ha ricordato anche quando in una scuola una madre si lamentava dell’incontro tra il giornalista e i ragazzi perché lo riteneva un “soggetto pericoloso” da non far entrare a scuola. “Sono i boss mafiosi ad essere pericolosi, così come i politici che con loro fanno affari. Io sono solo un cittadino che fa il proprio dovere. È importante fare i nomi e i cognomi perché sono soggetti che fanno affari sulle nostre spalle e sulle nostre vite”.

Prima di raggiungere il Centro Congressi Marconi, accompagnato dai componenti dell’amministrazione, ha fatto visita alla casa di Babbo Natale, un luogo per i più piccoli realizzato in un immobile confiscato all’imprenditore “re del vento” Vito Nicastri. “Vedere che tanti bambini oggi giocano in quel bene è fantastico. È il modo più bello per ricordare Pio La Torre e la legge Rognoni-La Torre sul sequestro dei beni alle mafie. In quell’immobile lo Stato ha vinto e merita di essere visitato perché rappresenta il simbolo di riscatto di un territorio.”

“Non sono i lividi e i segni indelebili sul mio corpo che porterò con me per sempre che fanno più male, – ha sottolineato Borrometi raccontando della brutale aggressione subita alcuni anni fa – ma l’indifferenza, l’isolamento e la delegittimazione. Ricordo che all’indomani dell’aggressione, che mi è costata una menomazione alla spalla destra, sembrava come se la responsabilità fosse mia e non del carnefice.”

Paolo Borrometi Alcamo (86)“Nonostante tutto non ho mai smesso di raccontare. Il giornalista ha un dovere fondamentale: raccontare i fatti. Perché un Paese può cambiare solo se è informato. Il cambiamento – ha sottolineato – quindi passa attraverso la cultura e l’informazione. Io ho fatto solo il mio dovere.”

“È inaccettabile – ha aggiunto – che in Sicilia un ex Presidente della Regione condannato per reati di mafia sia stato invitato a parlare nella sala intitolata a Piersanti Mattarella, Presidente ella Regione ucciso dalla mafia, all’Ars. È accaduto, ed è incredibile.”

Infine ha rievocato quel 10 aprile 2018, il giorno in cui apprese del piano di morte nei suoi confronti. Quel giorno Paolo era atteso al Festival Internazionale di Giornalismo di Perugia, e si apprese la notizia in diretta. Per lui la mafia aveva pronta un’auto bomba che doveva essere piazzata fuori da una scuola al termine di un incontro con gli studenti. I mafiosi, intercettati, dicevano di voler fare “una mattanza”. “Non viene minacciato solo il giornalista, ma la minaccia è contro la libertà di informazione, cioè contro chi legge, i lettori. Noi non abbiamo bisogno di eroi, ma soltanto di buoni cittadini. La nostra è una terra meravigliosa e una minoranza rumorosa non può infangarla. Ognuno di noi deve essere l’esempio di se stesso. Perché in fondo non è tutto perso, abbiamo bisogno di costruire insieme e fare squadra per non lasciare questa terra nelle loro mani.”

Paolo Borrometi inoltre ha ringraziato le forze dell’ordine presenti per il loro prezioso lavoro quotidiano e i ragazzi della scorta che rischiano la propria vita ogni giorno per proteggerlo. “La vita sotto scorta è un inferno. Mi sento un recluso, ma sono libero. Mi guardo allo specchio e vedo una persona pulita. La vera libertà è quella di pensiero. Ricordatevi che il nostro Paese non ha bisogno di eroi, ma di cittadini che facciano il loro dovere. La legalità è un percorso di costante impegno.

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>