Pubblicato: lunedì 4 settembre 2017

Navarra e Fava non spaccano la sinistra, insieme con Claudio Fava Presidente

ottavio navarra e claudio favaPALERMO. La sinistra ha trovato una soluzione in vista delle prossime elezioni regionali siciliane. Ottavio Navarra e Claudio Fava non spaccano la sinistra siciliana e decidono di candidare alla corsa per Palazzo d’Orleans, l’On. Claudio Fava.

Stamattina a dare l’annuncio Ottavio Navarra dal suo profilo facebook che chiosa: ecco la nota congiunta che in questi minuti stiamo diffondendo alla stampa firmata da Claudio Fava e da me. Grazie a tutti, a chi capirà e a chi rimarrà amareggiato, a chi troverà nuove ragioni e a chi penserà di averle smarrite. Giudico la nota un passo in avanti. Per la prima volta in Sicilia e in Italia sarà presente una proposta diversa da quella dei poli esistenti. L’inizio di un percorso difficile e appassionante. Voglio ringraziare tutta la coalizione che mi ha fin qui sostenuto, la rete politica ed umana che abbiamo iniziato a costruire ha un valore enorme. Lavoriamo nei prossimi giorni per irrobustirla ancor di più. Il documento riafferma il valore delle idee per le quali abbiamo lavorato insieme e del metodo dell’ascolto che abbiamo, seppur tra mille contraddizioni, cercato di affermare. La nostra terra ha bisogno di questa generosità e passione, di queste mani che hanno iniziato a costruire ponti e legami.

Ecco la nota stampa congiunta Ottavio Navarra e Claudio Fava

Si è svolto un incontro tra i due candidati alla Presidenza della Regione Siciliana, Claudio Fava ed Ottavio Navarra.
Nel corso dell’incontro è stato ripercorso il tragitto fin qui seguito fin dalla stesura dell’appello iniziale ribadendo la necessità per la Sicilia della costruzione di un polo alternativo a quelli esistenti non in grado di rappresentare una risposta alle speranze dei siciliani. Sul piano programmatico è stato ribadito un impegno sul tema dei beni comuni e sulla necessità di una loro oculata gestione ponendo fine ai processi di privatizzazione, la necessità di una azione contro le povertà in Sicilia, l’opportunità di offrire risposte al diritto allo studio.
Nella sostanza, si raccolgono oggi i frutti avvelenati causati dalla coalizione che sostiene Crocetta, in continuità con i governi Lombardo e Cuffaro.

La crisi di funzionamento e di credibilità dell’Ars, con la costante delegittimazione del ruolo storico dell’autonomia siciliana, sono da addebitare alla responsabilità di un ceto politico trasformista, dedito alla sua autoconservazione e a garantire esclusivamente clientele ed affari. Nella stessa direzione vanno privatizzazioni, sperpero e perdita delle risorse comunitarie, rapina. delle ricchezze naturali, devastazioni ambientali, degrado dell’assetto idrogeologico dei territori, incuria e abbandono del patrimonio boschivo, storico e paesaggistico, negazione dei diritti costituzionali, della salute come del sapere e dell’assistenza ai soggetti svantaggiati.
Di questo contesto il PD è oggi il principale responsabile. Da questa consapevolezza, nasce la volontà di costruire una alternativa al PD e ai poli politici esistenti e alla rete di potere da essi rappresentati. Da qui la costruzione di un progetto che, per essere credibile, deve avere caratteristiche di rottura radicale, capace di suscitare sentimenti di speranza e desideri di partecipazione nella battaglia per il cambiamento in larghi settori dell’elettorato.

Fava e Navarra hanno riconosciuto e apprezzato il percorso avviato da mesi da centinaia di attivisti con il supporto di diverse forze politiche della sinistra, di movimenti e realtà associative, perché ha creato le premesse di questo progetto.
Alla luce di tutto ciò, nel rispetto della intesa condivisa unitariamente il 31 agosto tra tutti i soggetti presenti, danno appuntamento per il 10 settembre ad una assemblea regionale alla quale proporre un percorso programmatico e la candidatura di Claudio Fava a Presidente della Regione Sicilia alle elezioni regionali.
“Siamo convinti che la sfida messa in campo è inedita per la Sicilia e per il nostro Paese – hanno affermato Fava e Navarra – L’assemblea del 10 sancirà l’atto di nascita di una sfida politica che non si esaurirà con il voto del 5 novembre. Per questo chiamiamo a raccolta le esperienze migliori della società siciliana. E’ il tempo di un cambiamento necessario ed utile. Vogliamo mettere a disposizione- proseguono Fava e Navarra -dei siciliani e di tutte le forze che sostengono questo progetto le nostre competenze e la nostra passione.”

Ottavio Navarra e Claudio Fava

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>