Pubblicato: lunedì 28 aprile 2014

Iacolino: “Con Forza Italia per un’Europa realmente solidale e attenta alle esigenze dei territori”

iacolino salvatore“La costruzione di una nuova Europa deve partire dalla Sicilia, regione che più di tutte in Italia sta sperimentando l’assenza di una reale solidarietà degli Stati membri dell’Unione. La dimostrazione più eclatante è la gestione dell’emergenza migranti, quasi interamente sulle spalle dei siciliani, malgrado una risoluzione dello scorso ottobre approvata al Parlamento europeo che sancisce principi inderogabili di condivisione dei flussi migratori. Anche il governo italiano ha le sue colpe: il ministro dell’Interno continua a tacere sul regolamento di Dublino, da lui stesso firmato il 7 giugno 2013, che obbliga esclusivamente i paesi di primo approdo a farsi carico dei richiedenti asilo. Le strutture sono al collasso e non si riescono a dare risposte ai bisogni primari dei migranti, che si riversano in strada, con rischi elevatissimi per l’ordine pubblico. Recentemente è successo proprio ad Agrigento, città del ministro dell’Interno, che per l’occasione ha mostrato tutti i limiti dell’azione di governo”. Lo ha detto Salvatore Iacolino, candidato di Forza Italia al Parlamento europeo, nel corso di una partecipata convention organizzata oggi ad Agrigento. Secondo appuntamento elettorale dopo quello dello scorso 13 aprile a Palermo. Presenti, tra gli altri, il coordinatore regionale di Forza Italia, senatore Vincenzo Gibiino, del senatore Giuseppe Ruvolo, dei deputati regionali Nello Musumeci, Marco Falcone, Vincenzo Figuccia, i candidati nella lista di Forza Italia (Miccichè, Citino, Reitano) e tanti amministratori locali.

“La nostra Isola – ha aggiunto Iacolino – merita di più, ovvero un’Europa che metta in campo flessibilità e strumenti in grado di favorire lo sviluppo dell’economia: dal turismo alla pesca, passando per l’agricoltura e le nuove tecnologie. Un’Europa a misura di famiglie ed imprese, attenta alle esigenze dei territori. Per questo motivo, Forza Italia si batterà contro l’Europa dei tecnocrati e dei banchieri che finora ha ‘strozzato’ la crescita dell’Unione. La nostra attenzione sarà rivolta anche all’utilizzo dei fondi strutturali: nella programmazione finanziaria 2014-2020 alla Sicilia sono destinati 6,8 miliardi di euro. Risorse che servono a creare nuovi posti di lavoro, potenziare le infrastrutture e rilanciare settori economici oggi in crisi: sperperarli sarebbe un delitto”.

“Alle elezioni europee del 25 maggio – ha concluso Iacolino – Forza Italia, unico partito moderato e di centrodestra, potrà contare su un leader autorevole come il presidente Berlusconi, capace di parlare al cuore della gente. Dall’altro lato c’è una sinistra incapace e litigiosa rappresentata dal Pd. Che in Sicilia, con la fallimentare esperienza del governo Crocetta, ha portato la Regione alla paralisi. Un voto a Forza Italia è quindi la giusta risposta al desiderio di cambiamento”.

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>