Pubblicato: sabato 12 aprile 2014

Trapani-Palermo 0-1, con Lafferty il derby è rosanero: le pagelle

Kyle Lafferty

Il Palermo espugna anche il Provinciale di Trapani, con il colpo fulmineo del gigante del Nord Irlanda: Trapani-Palermo termina 0-1, merito della coriacea difesa dei rosanero e della caparbietà di Lafferty, che appena entrato, approfitta dell’eleganza nel passaggio di Vazquez, per trafiggere il portiere granata con un preciso diagonale di destro da fuori area.

Ennesima tassello posto dalla squadra di Beppe Iachini nel puzzle della rincorsa alla Serie A: stavolta la volata prevedeva un ostacolo non indifferente, in quel di Trapani, in un derby attesissimo e che i tifosi della compagine siciliana hanno reso bollente fin dai primi minuti di gioco. Ma il Trapani dapprima deve soccombere al gioco rosanero, che surclassa la difesa per tutto il primo tempo e parte della ripresa, poi, subito il meraviglioso 1-0 di Lafferty, non trova lo spunto per mettere in difficoltà Sorrentino.

Il Palermo esce indenne dalla trasferta forse più ostica, e può marciare a vele spiegate verso il sogno targato ‘Serie A’. Il Trapani, quel sogno, deve rimandarlo, almeno per il momento, e lottare fino alla fine almeno per approdare ai Play-off. I rosanero mantengono 13 punti di vantaggio sulla seconda, l’Empoli oggi vittorioso contro la Ternana, e 14 sulla terza, che poi è quello che conta di più, il Latina (4-1 al Novara).

LE PAGELLE DEI ROSANERO

SORRENTINO 6,5 – Uscite tempestive e che danno sicurezza al reparto fin dai primi minuti di partita. La sua esperienza è fondamentale quando il Trapani prova a schiacciare la difesa del Palermo alla ricerca di un pareggio che non arriverà mai.

VITIELLO 6,5 –  Chiamato a sostituire l’infortunato Munoz, l’ex Siena (uno dei tanti in rosa) non commette errori e approfitta dell’occasione per mostrare a Iachini tutta la sua sicurezza.

MILANOVIC 6,5 –  Giovane e ardito, il difensore è il vero artefice della debacle del capocannoniere del campionato di Serie B: se Mancosu non vede palla, gran parte del merito è anche suo.

ANDJELKOVIC 6,5 –  E’ l’unico titolare schierato quest’oggi in campo nella difesa dei rosanero: solita sostanza, presenza nelle palle alte e puntualità negli interventi.

PISANO 6 – Copre bene dalla sua parte, anche se potrebbe forse osare qualcosa in più in fase offensiva, specie in un primo tempo in cui il Palermo merita certamente di più dello striminzito 0-0.

BOLZONI 6,5 – Corre e combatte, adesso non disdegna neanche il tiro da fuori e l’inserimento: stare al fianco di uno come Barreto fa crescere anche i meno esperti e lui ne sta cogliendo i frutti.

DI GENNARO 6 – Al posto di Maresca, ne eredita il fardello: la visione di gioco e la capacità di gestione della palla non è la stessa, anche se le qualità al sinistro di Di Gennaro non mancano. LAFFERTY 7,5 – Cosa aggiungere alla consueta generosità e caparbietà dell’attaccante tanto voluto in Italia da Gattuso? Realizza un gol fulmineo e denota una precisione che pochi hanno in questa serie B.

BARRETO 6,5 – Baluardo: sempre alla rincorsa dell’avversario, guida dapprima l’assalto, poi la strenua difesa del battaglione rosanero. Anima rosanero.

LAZAAR 6,5 – Un primo tempo davvero entusiasmante, dove sfiora il gol (ma quel dannato piede destro no ne vuole sapere di rispondere a dovere) e si offre come sponda per i compagni di attacco. Riesce anche in chiusure che non sembravano essere nelle sue corde. Sta crescendo a vista d’occhio.

DYBALA 6,5 – Corre e mostra la propria classe, specie nel primo tempo quando il Palermo spinge forte sull’acceleratore: non è decisivo come altre volte ma il lavoro che deve svolgere da prima punta è tanto e faticoso. BELOTTI SV.

VAZQUEZ 7 – L’argentino regala sprazzi di classe assoluta, mostrando che i suoi piedi sono di ben altra categoria: bene, avrà con ogni probabilità l’occasione di confermarsi anche in serie A, magari raggiungendola per propri meriti e con la maglia del Palermo. N’GOYI SV

ALL. IACHINI 7 – La formazione rosanero è ben disposta in campo e nella prima frazione meriterebbe almeno il vantaggio. Si salva nella ripresa, ma l’ingresso di Lafferty con l’arretramento di Vazquez in mediana è la sua mossa vincente.

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>