Pubblicato: martedì 1 aprile 2014

Crocetta: “Governo del Presidente”. Tanti i malumori

Rosario CrocettaIl governo Crocetta sta sempre di più diventando una barzelletta in Sicilia. Dopo una giunta di basso profilo, come considerata da molti siciliani, da mesi i partiti chiedono una verifica politica e un rilancio del governo regionale.

I continui aut aut, tra i leader dei partiti e il governatore, non riescono a trovare una vera intesa. Ad aggravare la situazione la scelta dei manager della sanità che, secondo il segretario regionale del PD, Fausto Raciti, sono frutto di logiche ben precise.

I continui cambi di umore di Crocetta stanno per diventare insostenibili per la sua stessa maggioranza. Il presidente, infatti, un giorno dichiara grandi aperture ai partiti  e poi un altro, come oggi, li mette alla porta.

Farò il governo del presidente con o a prescindere dai partiti. E lo farò prima della chiusura delle liste per le elezioni europee – continua a ribadire Crocetta. I tempi? Le liste vanno presentate entro settimana.

Immediata la reazione di Ardizzone(UDC) sul caso dell’Assessore Valenti: ho appreso della comunicazione a mezzo stampa della revoca dell’assessore Patrizia Valenti, vorrei che si evitassero conflitti istituzionali. L’art.20 dello Statuto è chiaro, gli assessori sono preposti ai singoli rami dell’amministrazione e una volta scelto l’assessore stabilisce un indirizzo politico, addirittura alcuni costituzionalisti, mettono in dubbio il rapporto fiduciario col presidente della Regione, pur potendo nominare e revocare. Insomma, non c’è alcun rapporto di vassallaggio.

Comunque andrà a finire l’esperienza Crocetta, di sicuro si stanno esasperando gli animi dei siciliani. Nessun riforma o rivoluzione è stata messa in atto, ma soltanto parole frutto di un narcisismo politico che sta pian piano logorando l’economia dell’isola.

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>