Pubblicato: giovedì 13 marzo 2014

Omicidio di mafia a Palermo, ucciso il fratello di un boss

Giuseppe Di GiacomoPALERMO. Un’ esecuzione in perfetto stile mafioso quella di ieri pomeriggio in via Eugenio l’Emiro, alla Zisa. Freddato da alcuni colpi di pistola Giuseppe Di Giacomo, 47 anni, fratello di Giovanni Di Giacomo boss ergastolano fedelissimo di Pippo Calò. Di Giacomo era stato arrestato per mafia nel 2008 durante l’operazione “Perseo” poi assolto. Ieri si trovava all’interno della sua auto, una smart grigia, con il nipote di appena 9 anni miracolosamente scampato all’agguato. Sull’omocidio gli inquirenti non hanno dubbi: si tratta di un omicidio di mafia. Un’escuzione in piena regola. Un’omicidio che richiama agli anni della guarra di mafia tra i corleonesi e i palermitani.

I due killer a bordo di una moto hanno affiancato l’auto di Di Giacomo crivellandola di colpi, la vittima ha tentato di scappare ma un colpo di pistola al collo ha interrotto la sua corsa sul marciapiedi poco distante l’auto. Un’esecuzione in pieno giorno, davanti ad un bambino, senza pietà, in una strada molto trafficata, sembra essere un segnale forte per qualcuno. Non c’è dubbio, si tratta di un delitto eclatante, in perfetto stile mafioso. Un vero e proprio messaggio intriso di sangue e polvere da sparo.

Sul posto oltre a polizia e carabinieri i vertici della sezione Omicidi e della sezione Criminalità organizzata della squadra Mobile, i pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia e il sostituto procuratore Leonardo Agueci.

(Di Emanuel Butticè)

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>