Pubblicato: giovedì 13 marzo 2014

Ferrandelli (PD): Orlando, dopo aver creato i Pip, li utilizzi e non li getti

Fabrizio FerrandelliPalermo, 13 marzo. Intervenendo in merito alla questione dei lavoratori ex Pip di Palermo, il Deputato regionale del PD Fabrizio Ferrandelli lancia un input polemico al Sindaco Leoluca Orlando.

Secondo Ferrandelli, infatti, è incredibile non dare alcun indirizzo di lavoro alle unità lavorative, che percepiscono un indennizzo regionale:

“Rifiutare il contributo di circa 500 unità lavorative, disposte a pulire spiagge e sottopassi, o ad impegnarsi nelle scuole, senza che il Comune di Palermo esca dalle tasche neppure un euro, è scandaloso oltre che mortificante per la dignità dei lavoratori. E’ una di quelle notizie da incasellare nella rubrica ‘incredibile ma vero’ o in generale in quella degli sprechi”.

Il diniego del Sindaco non troverebbe alcuna giustificazione plausibile in questo senso, e Ferrandelli conclude la sua nota chiedendo all’amministrazione comunale di adoperarsi per stipulare una convenzione con la Regione, così da impiegare correttamente i lavoratori.

“La Regione siciliana – aggiunge il deputato- da mesi paga circa 500 lavoratori ex Pip che, a causa del ‘niet’ del sindaco Orlando nell’affidargli una mansione di lavoro, rimangono senza far nulla quando, in una città dalle mille emergenze, potrebbero a costo zero dare una mano per curare una città che proprio bene non sta. Faccio appello all’amministrazione comunale – conclude Ferrandelli – affinché firmi la convenzione con l’assessorato regionale e chiami al lavoro questo personale. Il sindaco Orlando, dopo avere creato i Pip, li usi e non li getti. Sono gratis, e potrebbero aiutarlo perché è sotto gli occhi di tutti che da solo non ce la fa”

 

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>