Pubblicato: giovedì 6 marzo 2014

Amg, possibilità di rilancio

Il rilancio di Amg Energia Spa passa da una nuova centralità per i servizi relativi alla distribuzione del metano e del settore energia, nonché dalla possibilità di accedere per 8 milioni di euro al fondo europeo “Jessica” per realizzare una serie di interventi innovativi finalizzati all’uso razionale dell’energia, a partire dall’eco-riqualificazione di uno degli edifici dell’ex officina di via Tiro a Segno. E’ stato questo il tema della conferenza stampa del Consiglio di Amministrazione di Amg. Il presidente Emilio Arcuri, assieme al vicepresidente Antonio Rera e al consigliere Mario Li Castri, hanno presentato il consuntivo di metà mandato, facendo il punto dell’attività sin qui svolta a partire dall’insediamento, avvenuto il 31 luglio 2012.

emilio-arcuri

“Abbiamo voluto fare il punto dell’attività sin qui svolta, a metà mandato, per offrire uno sguardo d’insieme alle tante attività avviate e per dare una visione anche sulle iniziative future – ha detto il presidente Arcuri -. Cominciamo dall’ultimo provvedimento adottato dal Cda, l’accesso ai fondi Jessica che per la nostra società è un punto di svolta”. Un’importante opportunità è, infatti, è rappresentata dall’accesso al fondo europeo “Jessica” (Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas) promosso dalla Commissione europea e dalla Bei, la Banca europea degli investimenti. Otto milioni di euro per interventi di efficienza energetica e di produzione di energia da fonti rinnovabili. L’azienda e, quindi la città di Palermo, è tra i primi soggetti in Europa a beneficiarne.  Il primo progetto pronto a partire (importo 3,8 milioni di euro), già approvato in conferenza di servizi dal Comune, dalla Soprintendenza, dal Genio civile, dell’Asp e da Amg, riguarda l’eco-riqualificazione dell’ex magazzino che si trova all’interno dell’ex officina di via Tiro a Segno. “E’ destinato a diventare sede di presidenza, direzione e uffici di Amg – ha spiegato il presidente Arcuri – che per adesso si trovano in un immobile in affitto, liberando così risorse che potremo destinare a pagare il mutuo”. Un altro progetto (un milione di euro), riguarda la “teleclimatizzazione” sempre dell’area di via Tiro a Segno con la realizzazione di una centrale tecnologica destinata ad alimentare non solo tutti gli edifici esistenti, prevedendo future estensioni, e infine l’ultimo progetto, il più innovativo  (4,4 milioni di euro) combina la rete di distribuzione del gas naturale con le nuove tecnologie di comunicazione, in modo da avere una vera e propria “rete neurale” ramificata su 830 chilometri, per circa 150 mila punti di riconsegna (famiglie, attività produttive e uffici).

Tra i dati più significativi presentati gli interventi, autorizzati dall’Amministrazione comunale, nelle scuole e negli asili per l’adeguamento e la realizzazione ex novo degli impianti termici ed elettrici. Nuova centralità è stata data alle attività di distribuzione del gas metano per gli usi domestici e industriali, a partire dall’installazione di contatori del gas con funzioni di telelettura e telegestione, in linea con le direttive dell’Autorità per l’energia elettrica ed il gas. Amg, infatti, ha avviato la progressiva sostituzione dei contatori del gas tradizionali, con altri di tipo elettronico che consentono la lettura da remoto dei consumi di gas con la possibilità, in futuro, di attivare la gestione dei consumi per fasce orarie come già avviene per le forniture di energia elettrica. Sino al mese di gennaio 2014 sono stati installati 2.904 misuratori elettronici alle utenze industriali e artigianali ed è già iniziata l’installazione sperimentale dei contatori a servizio dell’utenza domestica, che attraverso un’elettrovalvola integrata consentiranno di effettuare a distanza anche operazioni commerciali e legate alla sicurezza, come la cessazione della fornitura. Pronto, inoltre, il progetto per l’estensione della rete del metano nella borgata di Ciaculli (circa 1.100 nuove utenze) per il quale il Comune di Palermo ha richiesto un mutuo alla Cassa depositi e prestiti. A proposito dei furti di gas e delle manomissioni della rete, è stato sottolineato che, per espressa volontà del Consiglio di Amministrazione, l’azienda si costituisce parte civile in tutti i procedimenti, oltre a richiedere il risarcimento di tutti i danni, patrimoniali e non, in conseguenza dei fatti di reato. Ad oggi le costituzioni di parte civile presentate sono ventotto.

Il presidente Arcuri ha ribadito l’attenzione della società al rapporto con i cittadini: “Tutte le segnalazioni, relative ai servizi offerti da Amg, dal metano alla pubblica illuminazione, vengono seguite e controllate, sino alla loro risoluzione”. Ha annunciato, inoltre che il bilancio 2013 si chiuderà in utile: “Al momento dell’insediamento abbiamo trovato un bilancio in pareggio che poi ha subito il deficit di 5 milioni di euro per la controversia Saipem”.

Nell’ambito della collaborazione con l’Amministrazione comunale, infine, Amg ha provveduto a redigere la quantificazione degli interventi straordinari per l’adeguamento e la messa in sicurezza degli impianti di pubblica illuminazione più obsoleti. Si tratta degli impianti relativi a 66 cabine di pubblica illuminazione “in serie” per un totale, stimato, di euro 117.704.185: questi interventi sono stati inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche approvato dal Consiglio comunale.

Il futuro della società passa, infine, per l’attività di Esco (Energy service company) volta alla riqualificazione energetica degli immobili comunali e degli impianti di pubblica illuminazione e al rilancio della società nel settore del metano per autotrazione e per usi domestici e dei servizi di certificazione energetica.

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>