Pubblicato: lunedì 3 marzo 2014

Visita della commissione antimafia a Palermo. Le dichiarazioni di Rosy Bindi e Francesco Messineo

foto di ansa.it

foto di ansa.it

Palermo, 3 Marzo. Oggi a Palermo visita della commissione nazionale Antimafia, che ha ascoltato i magistrati palermitani per prendere di mira le problematiche relative ai beni confiscati alla mafia.

Erano presenti il pubblico ministero Nino Di Matteo, il procuratore generale Roberto Scarpinato ed il procuratore Francesco Messineo.

Il presidente della commissione, Rosy Bindi, ha dichiarato la necessità di rivedere la legislazione in materia di misure di prevenzione: “Sia l’Agenzia per i beni confiscati che l’intera legislazione in materia di misure di prevenzione vanno riviste. E’ possibile dirlo ora, dopo un periodo di sperimentazione, che ha dato anche buoni frutti”, ha detto infatti la Bindi.

“Servono strumenti legislativi che ci facciano sequestrare di più”, ha quindi concluso.

È intervenuto anche il procuratore Messineo, che ha espresso soddisfazione per il programma antimafia del neo presidente del consiglio:

Il programma per la lotta alla mafia annunciato dal premier Renzi mi pare condivisibile e serio e, se realizzato, farà avanzare l’azione di contrasto a cosa nostra. Ci saranno cose da aggiungere e altre riforme che potrebbero aiutarci, ma questo è un ottimo punto di partenza”.

 

foto di ansa.it

Autore

-

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>